Call for papers: Italia e Francia, Francia e Italia: Scambi culturali, 2018

Deadline: Jan 15, 2018
2b01f1cf-c059-4765-be85-34b61cbc28e4
A dicembre 2018 RELIEF (www.revue-relief.org) e INCONTRI (www.rivista-incontri.nl), due riviste internazionali e peer reviewed che si occupano rispettivamente di cultura francese e italiana, pubblicheranno giuntamente due numeri collegati dallo stesso tema: gli scambi culturali tra l’Italia e la Francia dal Medioevo fino ad oggi. La religione, la politica, le scienze e le arti hanno gettato le basi per una relazione proficua e molto stretta tra i due paesi. Ci sono stati dei periodi di intensificazione di tali rapporti transnazionali tra le due lingue e culture: si pensi all’influenza della lirica dei trovatori provenzali alla corte siciliana nel Duecento, o al traffico intenso messo in moto dai regnanti amanti dell’arte nelle città-stato italiane durante il Rinascimento invitando artisti e musicisti francesi alle loro corti. Altri esempi di questi incontri culturali sono il ‘grand tour’ che portò gli aristocrati francesi a visitare il Bel Paese nel Settecento, il cosmopolitismo dell’Ottocento, le avanguardie, tra cui quelle italiane, concentratesi nella Parigi dell’inizio del Novecento. Non si dimentichino poi le ondate di migrazioni politiche, economiche e culturali e la crescente globalizzazione dei rapporti culturali a partire dal 1950.

La redazione di INCONTRI, invita gli autori interessati a contribuire al numero 2 del 2018 sugli scambi culturali tra la Francia e l’Italia con un saggio sull’argomento dal punto di vista degli studi italiani. Si accolgono articoli su persone o gruppi di persone, artisti, letterati, intellettuali, diplomati, esuli, migranti, viaggiatori solitari o avventurieri in cerca di fortuna nel paese vicino; su un determinato periodo, una corrente, un’arte o un genere (dalle arti figurative al fumetto, dal teatro all’opera lirica, dal cinema alla televisione), su singole opere artistiche, coproduzioni e traduzioni, su eventi storici che abbiano avuto un riscontro culturale (si pensi al tragico episodio dei valdesi); su qualunque fattore culturale o storico-sociale che abbia messo in contatto o in conflitto le due culture, sia coscientemente sia inconsciamente.

Gli articoli, di una lunghezza media tra 5000-8000 parole, dovranno essere scritti in italiano o in inglese e dovranno essere redatti secondo le direttive per gli autori che possono essere consultate sul sito (www.rivista-incontri.nl/about/submissions/). Nel caso di illustrazioni, dovranno essere rispettati i diritti d’autore. I contributi saranno sottomessi a una procedura di referaggio peer review, il cui processo è descritto sul sito (www.rivista-incontri.nl/about/editorialpolicies/#peer-review-process).

Si prega gli autori interessati di mandare una proposta nella lingua dell’articolo di 300 parole all’incirca, accompagnata da una breve nota biobibliografica, a Emma Grootveld (incontri.segreteria@gmail.com), entro e non oltre il 15 gennaio 2018. Gli autori selezionati dovranno far pervenire la prima versione dell’articolo completo entro il 30 aprile 2018.

Incontri. Rivista europea di studi italiani è la rivista del Werkgroep Italië Studies (WIS), gruppo di lavoro sugli studi italiani con riferimento alla comunità di ricerca accademica neerlandese e fiamminga. I membri della redazione e del comitato di lettura della rivista sono reclutati nel campo internazionale degli studi italiani per garantire una revisione paritaria di alto valore scientifico. La rivista ha una cadenza semestrale e ogni numero conta all’incirca 100-150 pagine comprendenti articoli, rubriche, recensioni e segnalazioni.

Advertisements
This entry was posted in Call for Papers and tagged , , on by .

About thegrailquest

Anastasija Ropa holds a doctoral degree from Bangor University (North Wales), for a study in medieval and modern Arthurian literature. She has published a number of articles on medieval and modern Arthurian literature, focusing on its historical and artistic aspects. She is currently employed as guest lecturer at the Latvian Academy of Sport Education. Anastasija’s most recent research explores medieval equestrianism in English and French literary art and literature, and she is also engaged as part-time volunteer horse-trainer. In a nutshell: Lecturer at the Latvian Academy of Sport Education Graduate of the School of English, University of Wales, Bangor. Graduate of the University of Latvia Passionate about history, particularly the Middle Ages A horse-lover and horse-owner

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s